Espresso
Q U I N D I C I N A L E   D I   I N F O R M A Z I O N E
Russian
Home Giornale Archivio Redazione Pubblicit Riferimenti
 
Numero 19(64)
LItalia guarda a est

    (FCF) LItalia guarda a est, in maniera del tutto logica, naturale, strutturale. A ovest dopo Francia e Spagna c lAtlantico.
    A est il mondo sembra non finire mai in un susseguirsi di nuovi scenari economici. Lo ha detto anche Adolfo Urso, Ministro Junior alle Attivit Produttive con delega al Commercio Estero puntiamo a Oriente, alla Russia, alla Cina. Su questi mercati si concentra il piano di promozione dellIce, con fondi specifici per aree geografiche che vanno ad aggiungersi a quelli Simest. Simest che, con Mediobanca e Vneshtorgbank ha siglato unintesa per finanziare progetti industriali nella federazione Russa fino ad un massimo di 1,5 miliardi di euro, un accordo ha detto ancora Urso che segna linizio del sistema creditizio italiano verso il mercato russo e il crescere delllinteresse delle nostre imprese verso quella che diventata la vuona frontiera delleconomia italiana. Tanto che nel luglio scorso la Regione Piemonte, e in novembre la Liguria, hanno sottoscritto importanti accordi con Sverdlovsk, la terza regione industriale della Russia, al punto che il Governatore di questultima Eduard Rossel, accogliendo a Ekaterinenburg proprio il Presidente della Liguria Sandro Biasotti a capo di una delegazione di una sessantina di imprenditori ha detto di aspettarsi nel 2003-2004 lafflusso di 2 miliardi di dollari, augurandomi che tra questi ve ne sia una rilevante quota italiana mentre imprese locali, gi sotto controllo italiano, come lacciaieria Vizstal della Duferco, che pure ha in programma investimenti per 100 milioni di dollari, per migliorare la propria efficienza sta valutando partnership locali con piccole imprese altamente specializzate. Ma le prospettive riguardano anche i comparti della lavorazione del legno, quello chimico, quello alimentare e quello del trattamento dei rifiuti. E dopo Sverdlovsk potrebbe essere la volta di Novgorod, Vologda, Krasnodar, Belgorod e Lipetsk su cui si stanno accentrando le attenzioni del sistema produttivo italiano maggiormente interessato al mercato russo.
    Ma non sono problemi e prospettive che riguardano solo le industrie vere e proprie, anche il comparto turistico italiano, in cerca di vie duscita dalla crisi iniziata drammaticamente con il famigerato 11 settembre delle Twin Towers, guarda a est: lo conferma Bernab Bocca, Presidente di Federalberghi che punta per il rilancio su due nuovi mercati che lItalia deve aggredire: quello russo e quello cinese. Il primo rimasto sin qui distante a causa delle difficolt e dei tempi eccessivi necessari per ottenere in visto turistico. In Finanziaria, anche grazie alla nostra pressione, il problema stato recepito e sono stati inseriti i fondi necessari ad aumentare gli organici nei Consolati in modo di abbreviare le attese.

in alto <<  ARTICOLO PRECEDENTE      ARTICOLO SEGUENTE  >> in alto
ALTRI ARTICOLI DELLA RUBRICA "NEL MONDO"
DEVOLUTION A PALAZZO MADAMA ¦  Italia: terrorismo per posta ¦  Silvio Berlusconi si schierato con lIsraele ¦  La TV italiana non vuole di Monica Lewinski ¦  TRA BALTICO E MEDITERRANEO ¦  Hussein ha sconcertato Bush ¦  Costituzione Europea
Rambler's Top100    Rambler's Top100