Espresso
Q U I N D I C I N A L E   D I   I N F O R M A Z I O N E
Russian
Home Giornale Archivio Redazione Pubblicit Riferimenti
 
Numero 2(47)
Errori e indifferenza

    Gli eventi intorno alla TV-6 hanno suscitato nella societ la discussione sul vecchio argomento: se siamo testimoni della lotta fra il potere e i giornalisti del pensiero libero, alla quale seguir anche la chiusura dei giornali e delle riviste liberali, o semplicemente un gruppo di oligarchi non riesce di nuovo a dividere qualcosa (in questo caso, un canale di informazioni televisive) con un altro gruppo.
    Questa domanda diventata ormai retorica, e non possibile rispondervi in modo inequivocabile. Nella Russia di oggi c un po di tutto: il potere non vuole far conoscere al pubblico il dessous delle sue azioni (ma nessuno lo vuole mai). Ci dovuto in parte al fatto che la comparsa di Putin al potere da molti finora stata ritenuta non del tutto legittima, e i ricordi sistematici di ci non possono non far arrabbiare, soprattutto se vengono da Boris Berezovskij. Inoltre, mentre prima in Russia la ridistribuzione della propriet avveniva a livello di diversi gruppi finanziario-industriali, ora si tratta di aziende pubbliche, come il Gazprom. Il tema della ridistribuzione della propriet pertanto legato direttamente ai nomi dei funzionari del governo e dei rappresentanti dello Stato. Daltra parte, i mass media rappresentano una risorsa assai pi preziosa rispetto al petrolio o al gas, cosicch non sorprendente che si svolga una lotta per controllarla. Se il cambio dei manager con luso della forza avviene nelle aziende come la Kristall o la Mosenergo, dal punto di vista del business la televisione poco diversa da esse. Certamente, una differenza fondamentale legata ai diritti dei consumatori, e la questione, quindi, potrebbe essere questa: come mai la reazione della societ cos fiacca?
    La chiusura della TV-6 significa innanzitutto la perdita della televisione professionale. Il bello, tutto sommato, non sta solo nel fatto che questquipe ha criticato apertamente il potere: ci poteva piacere a qualcuno di pi, a qualcun altro di meno. Come tutti potevano vedere, anche la NTV capace di organizzare un dialogo in diretta con Boris Berezovskij che si trova a Londra. Ma lo scopo principale dei giornalisti quello di fornire ai telespettatori il pi presto possibile le informazioni pi fresche: ed qui che i colleghi di Evghenij Kisselev erano forse pi bravi di tutti. Proprio la NTV di Gussinskij e, dopo, la TV-6 di Berezovskij hanno mandato in onda i reportage speciali nel momento della tragedia del sottomarino Kursk, o dopo gli atti terroristici negli USA, e non mica detto che in futuro la reazione di altri canali ad eventi nazionali o mondiali sia altrettanto operativa. Il desiderio e la possibilit di reagire rapidamente ad eventi non possono essere attribuiti semplicemente alla censura: solo i professionisti possono assumersi il coraggio di rendere importante una notizia, cosicch se alla televisione non ci saranno pi i professionisti, non ci saranno le notizie in pieno senso della parola. A partire dal momento in cui la minaccia della chiusura si messa ad incombere sulla NTV, si detto gi pi volte che, oltre ai telespettatori, perderanno qualcosa dimportante, in fin dei conti, anche gli altri canali televisivi, che non avranno pi unesperienza a cui uniformarsi. In qualsiasi Paese europeo, i primi a reagire alle restrizioni operate ai colleghi sarebbero stati gli impiegati di altri canali. In Russia la situazione proprio contraria: mentre si lottava per la NTV, centinaia di telespettatori avevano partecipato al relativo comizio, ma non cera nessuna reazione simile da parte di altri canali. Proprio questa situazione riflette la condizione della societ nel Paese: non si tratta solo del fatto che lopinione pubblica non sia sufficientemente consolidata per difendere i propr
    i diritti, ma del fatto che anche per gli impiegati della televisione la storia della TV-6 un evento che non ha niente a che vedere con la loro vita.
Evgenija Orlovskaja

in alto <<  ARTICOLO PRECEDENTE      ARTICOLO SEGUENTE  >> in alto
ALTRI ARTICOLI DELLA RUBRICA "POLITICA"
Ce terrore e terrore... ¦  Minacce a radio Svoboda ¦  Addio TV6 ¦  Putin a Varsavia ¦  La notte delle grandi risate ¦  Patriottismo per 9 milioni di dollari ¦  Elezioni regionali oneste
Rambler's Top100